Antonio Gennari - arteinossola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Antonio Gennari

Artisti in Ossola

Dipinti  di 
ANTONIO GENNARI
( 1923 - 2002)
La grossa sorpresa, per chi non lo conosceva, è venuta da Antonio Gennari che finalmente ha detto una parola nuova nella pittura Vigezzina. Una interpretazione d'ambiente con la preparazione e le emozioni del nostro secolo. La sua pittura tradisce il travaglio interiore e la cultura dell'autore. Malgrado un affiato di protesta che si eleva da alcuni dipinti, ai visitatori non è sfuggita un'indubbia vocazione mistica di Antonio Gennari, al di fuori dei limiti convenzionali o pietisti. Consentiamo pienamente con le lusinghiere critiche espresse a suo tempo dal prof. Carpi.
Popolo dell'Ossola - 24 settembre 1965.
AUTORITRATTI         

   Ritratto di A. Gennari eseguito dal Maestro Pittore Giuseppe Magistris.
Antonio Gennari nasce il 7 settembre 1923 a Buttogno. da Vittorio e da Maria Agosti, poco prima della partenza dei genitori verso l'Argentina per lavoro. Tornato con i suoi in valle all'età di sei anni, si iscrive poi alla Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini di Santa Maria Maggiore avendo come maestri Vincenzo Righetti e Giuseppe Giobbi, e frequenta alla fine degli anni 30 a Milano la Scuola d'arte di via Marina e l'Accademia di Brera con l'insegnamento di Aldo Carpi. Nel 1940 parte volontario per il fronte e viene mandato in Albania. Dopo l'8 settembre 1943 è catturato dai tedeschi e deportato in Germania. Tornato in patria dopo la liberazione riprende l'attività di pittore. Amico degli ex allievi della Scuola di Belle Arti,, Alfredo Acetosi e Giuseppe Magistris, con questultirno condivide un vivo interesse per la letteratura, la musica e le tradizioni popolari. Si forma una famiglia sposando Emma Grossetti, con la quale avrà due figli, Mariavittoria e Stefano, e pur parlando spesso dell'Argentina e di viaggi sognati, non si allontanerà mai più dallOssola. Oltre alla pittura si è appassionatamente dedicato alla scrittura di cronache di costume e all'attività giornalistica. È mancato il 19 gennaio 2002.
Torna ai contenuti | Torna al menu